Il robot bradipo
 
Prodotti per la Persona > Regina Cartacamomilla > Il Lato Morbido del Mondo

Il robot bradipo che aiuta a combattere il cambiamento climatico

Tempo di lettura - Regina Paper for People Tempo di lettura previsto: 2 min

Ciao di nuovo amici! Oggi ho fatto una grande scoperta che devo condividere con tutti voi… Avete mai sentito parlare di un simpatico animale peloso chiamato bradipo?

Ebbene, gli scienziati hanno creato un robot bradipo chiamato “SlothBot” che può aiutarli a combattere il cambiamento climatico!

Che cosa fa?

Proprio come un vero bradipo, trascorre la maggior parte del tempo in alto sugli alberi e si muove molto, molto lentamente. Invece di nutrirsi di foglie però, SlothBot misura la temperatura, le condizioni meteorologiche, la quantità di anidride carbonica presente nell’aria e molto altro ancora. In questo momento, è appeso a un albero nel giardino botanico di Atlanta, negli Stati Uniti.

Una volta che il team di scienziati avrà finito di testarlo lì, potrà essere portato in Sud America, da dove provengono originariamente i bradipi!

Come funziona?

Il bradipo è l’animale più lento del mondo – è anche più lento della lumaca – e si muove solo quando è necessario. SlothBot è progettato per fare lo stesso, il che aiuta a risparmiare energia. Quando ha bisogno di ricaricare le batterie, si sposta alla luce del sole – intelligente, eh?

Perché è così utile?

Se volessimo raccogliere così tante informazioni sull’ambiente, noi umani dovremmo piantare le nostre tende all’aperto per mesi, forse anche anni! SlothBot può tranquillamente rimanere nella giungla per lunghi periodi di tempo, perché ha un robusto guscio che lo protegge e gli consente di continuare a lavorare con vento, pioggia o sole.

Le informazioni così raccolte aiutano gli scienziati a tenere traccia di ciò che sta cambiando nell’ambiente, e ricercare modi per combattere il riscaldamento globale, oltre che proteggere animali rari o in via di estinzione.

Di solito ci emozioniamo di più quando sentiamo parlare di robot che possono muoversi molto velocemente, ma SlothBot dimostra che… essere lenti non è sempre una brutta cosa!