l'importanza delle ciabatte - igiene - regina paper for peoplel'importanza delle ciabatte - igiene - regina paper for people
 
Igiene&Pulizia > Igiene

L’importanza delle ciabatte per l’igiene in casa

Tempo di lettura - Regina Paper for People Tempo di lettura previsto: 2 min

Sull’utilizzo delle ciabatte tra le mura domestiche si è detto di tutto e il contrario di tutto. C’è chi non potrebbe vivere senza e chi invece le considera assolutamente immettibili.

Eppure, già a partire dall’etimologia, la ciabatta si porta dietro radici lontanissime e un significato molto interessante: la parola è da ricondurre al basso latino sapa o zapa (probabilmente di derivazione araba con sabat = calzatura o addirittura dall’ebraico Shabbat, ovvero il giorno della settimana in cui si celebra il riposo liberandosi anche delle calzature scomode, con chiusura intorno alle caviglie).

In effetti, il gesto di togliersi le scarpe a fine giornata e indossare un paio di comode ciabatte, potrebbe per molti essere liberatorio.

l'importanza delle ciabatte - igiene - regina paper for people

E, se in Spagna o negli Stati Uniti, dove spesso le stanze hanno la moquette, le scarpe restano inchiodate ai piedi anche in casa, in Giappone persino l’architettura delle abitazioni (con un gradino all’ingresso) racconta l’abitudine di abbandonarsi alle ciabatte.

Le ciabatte, una scelta igienica

Al di là della suddetta comodità, comunque, c’è una motivazione ben più importante che dovrebbe spingere tutti verso la rotta del Giappone ed è legata all’igiene.

Infatti, le nostre scarpe, camminando per strada, nei giardinetti, al mercato e nei negozi, catturano ogni giorno una numero impressionante di batteri e microorganismi: secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Arizona il loro numero si aggira intorno ai 400mila, compresi i patogeni che possono causare meningite, diarrea, polmonite, infezioni delle ferite.

l'importanza delle ciabatte - igiene - regina paper for people

Non solo, dall’esterno vengono anche raccolte sostanze tossiche come i residui degli erbicidi (secondo l’Environmental Protection Agency).

Per non portarli in casa è allora buona norma togliere le scarpe e scegliere invece delle morbide ciabatte, così che questi germi restino fuori dalla porta.

La scelta di queste calzature potrebbe comunque rivelarsi molto divertente, vista la varietà di materiali e colori che si presentano nei negozi. Un’ottima opportunità per sceglierne un paio divertenti, o magari un paio più fresco come le infradito.

 
Articoli correlati