Disegnare fa bene - regina cartacamomillaDisegnare fa bene - regina cartacamomilla
 
Prodotti per la Persona > Regina Cartacamomilla > L'Angolo del Buonumore

Disegnare fa bene!

Tempo di lettura - Regina Paper for People Tempo di lettura previsto: 2 min

Che i colori mettano di buonumore si sa, e che addirittura ogni colore trasmetta delle sensazioni precise è un dato di fatto. E allora vien da sè che celebrare la Giornata del Disegno sia un’idea a dir poco Millosa, non trovate?!

Prima di tutto vi informo che il 27 aprile è la Giornata Mondiale del Disegno, si tratta di una giornata istituita a Londra nel ’63, creata dal Consiglio Internazionale delle Associazioni del Disegno e dall’Onu (ve lo dico perché sapere le cose è importante e poi perché il mio amico Galileo ha insistito tanto affinché ve lo dicessi).

Ora passerei subito a dirvi che disegnare fa bene all’umore!

Disegnare migliora l’umore

Fin da bambini, il disegno è considerato un momento di espressione libera, dove l’immaginazione non ha margini e non esiste alcun temine di giudizio bello/brutto ma esiste solo la voglia di creare. Anche Saint Exupéry, nel suo celebre “Piccolo Principe” racconta nelle prime pagine del libro la fantasia di un bambino che disegna e poi chiede a tutti di spiegare cosa sia il suo disegno.

Già, e cosa è il disegno se non la voglia di comunicare?

Disegnare fa bene - regina cartacamomilla

Come la musica, la cucina e la poesia, anche il disegno è senza dubbio una fantastica forma d’arte che fa bene all’umore. E poco importa che siate bravi o meno, l’importante è disegnare, anzi, va benissimo anche scarabocchiare! In inglese, la parola “doodling” rappresenta proprio l’arte di scarabocchiare.

Voi lo fate mai? Scarabocchiare?

Sicuramente vi sarà capitato mentre qualcuno vi parla oppure quando siete a telefono, ebbene, anche quello è disegnare ed è a tutti gli effetti benefico! Relax per la mente, vuol dire relax per il corpo. E poi, cosa c’è di più bello di un disegno quando è terminato ed è pronto per essere colorato? (questa rima me l’ha suggerita Sorriso).

In tutto questo, ricordiamo sempre che esistono tanti modi per colorare: tempera, pastelli, pastelli a cera, acquarelli, pennarelli ma oltre a questi metodi più classici, ci si può sbizzarrire anche con tanti altri modi, basta far funzionare la fantasia, l’allegria e il buonumore!

Magari il mio amico Macchia, che è un esperto di arte astratta, uno di questi giorni potrebbe illustrarvi dei modi insoliti per “colorare”, continuate a seguirci ogni mese e lo scoprirete!