RicicliAMO i pastelli a cera

Tempo di lettura stimato: 2 min

Vi ricordate i pastelli a cera? Specialmente chi ha dei figli ne avrà ancora una scatola infilata da qualche parte. Colorati e divertenti, forse hanno solo un difetto, quello di rompersi e spezzettarsi dopo urti troppo bruschi. E quando si consumano e si fanno sempre più piccoli, anche tenerli in mano per disegnare può risultare difficile. E adesso sono tutti radunati in quella scatola, in quell’astuccio o in quel cassetto in attesa di un migliore possibile utilizzo.

E allora un’idea ce l’abbiamo noi: perché non trasformarli in coloratissime candele originali? Possono essere realizzate anche dai più piccoli, ma sotto la supervisione di un adulto. Vediamo come fare e di cosa avete bisogno: -Cera per candele (possibilmente a scaglie), stoppini di cotone, pastelli a cera, bicchieri che non usate più o barattoli di vetro vuoti.

Ed ecco il procedimento: legate lo stoppino a una matita, deve essere ben più lungo della vostra candela, e posizionate la matita sopra il bicchiere, tenendo dentro allo stoppino, il più al centro possibile. Tenete la matita sopra il contenitore fino a quando non verserete la cera.

Ora spezzettate i pastelli a cera, potete usare lo stesso colore o mescolarne di diversi per ottenere colori nuovi e particolari, e mettetela nel bicchiere di carta insieme alla cera per candele. Fate sciogliere a bagnomaria o al microonde e riempite il bicchiere con la cera fusa, così fisserà lo stoppino. Fate asciugare bene, e la candela è pronta! È stato facile, no?

Ecco qualche altro consiglio e trucco per renderla ancora più bella. Va bene qualunque marca di pastelli a cera, ma quelli lavabili non portano a grandi risultati. Potete utilizzare gocce di olii essenziali per coprire l’odore dei pastelli a cera.

Oppure potete realizzare candele multicolore, basterà sciogliere i pastelli a cera un colore alla volta e aggiungerli a strati, mano a mano, nel bicchiere. Per fare asciugare lo strato precedente dovete aspettare circa 30 minuti.